I Edizione 3-8 maggio 2021

Festival Mente Locale Young – Le scuole italiane raccontano il Territorio

 

 

 

Il bando della prima edizione di Mente Locale Young – Le scuole italiane raccontano il territorio si è chiuso il 28 febbraio 2021. Abbiamo ricevuto 141 opere provenienti da scuole italiane di ogni ordine e grado e 700 iscrizioni alla Giuria Young da istituti italiani secondari di primo e secondo grado e avremo la partecipazione speciale di una Giuria Young tunisina grazie al Cefa Onlus.

 

Film in concorso 2021 

PAESAGGI AL LIMITE del Liceo artistico Marco di Polo Venezia – 9’28” – 2019

Il video è un tentativo di lasciare traccia dell’esistenza di un luogo, l’Ex Ospedale al Mare al Lido di Venezia, in passato struttura sanitaria di eccellenza dai primi anni del duemila in
stato di abbandono e di stimolare alla riflessione sugli effetti della cancellazione di questo e di luoghi analoghi. Lo osserva dal paesaggio antistante, un tratto di litorale fino agli anni ’70 area di cura dove si praticavano le sabbiature, uno dei pochi tratti ancora liberamente fruibili sull’isola, che presenta una vegetazione ricca e caratteristiche paesaggistiche di pregio anch’esse rischio di cancellazione.

LA MIA CITTÀ della Scuola Media Statale “N. Zingarelli”, Bari – 4’ – 2020

Videopoesia realizzata da un gruppo di ragazzi di terza media, autori del testo e delle immagini girate in autonomia con i loro smartphone, a partire dalla proposta di utilizzare tutti i sensi per
comunicare l’appartenenza alla propria città. Quello che ne è venuto fuori è un ritratto per sensazioni di Bari, di cui i ragazzi hanno saputo cogliere, nello spazio di pochi minuti, le
contraddizioni, le peculiarità, i colori. Una lettera d’amore in forma di videopoesia per riscoprire uno sguardo appassionato su quanto troppo spesso consideriamo ordinario solo perché
familiare.

LA CITTÀ del Liceo “G.Carducci” di Ferrara – 6’ 18’’ – 2018

Un viaggio al contempo reale e immaginario tra architetture e letteratura – liberamente ispirato a “Le città invisibili” di Italo Calvino, alla scoperta del significato del vivere oggi nelle città, in una città in cui, a causa della frenesia del quotidiano, abbiamo perduto le tracce del passaggio delle persone che l’hanno in precedenza abitata, in un gioco continuo di rispecchiamento e di risonanza
visiva e uditiva tra il microcosmo delle storie individuali e il macrocosmo della storia universale.

IN MEDIO STAT IMOLA del Liceo Rambaldi – Valeriani – A. da Imola – 15’ – 2019

Esiste davvero un confine tra Emilia e Romagna? Muovendo da una domanda che può apparire banale, il documentario esplora concetti più ampi, indagando l’origine dei confini, la loro labilità e la ricchezza culturale delle zone di frontiera e di passaggio.

IL GIGANTE ADDORMENTATO del Liceo Artistico Statale della Villa Reale di Monza “Nanni Valentini” –  04’37” – 2019

Il video racconta e spiega brevemente come è strutturato l’ex-cinema “Magic Movie Park” che si trova tra Muggiò e Nova Milanese (MB).
Il Magic Movie Park doveva diventare un gigantesco multisala, e il secondo più grande bazar “Made in China” d’Europa. È stato invece teatro di storie che vanno dalla ‘ndrangheta a miliardari cinesi in fuga dalla pena di morte.

GHINEKA GRIKA (DONNA GRIKA) dell’Istituto comprensivo di Martano con Carpignano e Serrano – 28’45” – 2019

Ispirato al libro “La Terra di Manfredi” di Janet Ross. Grecìa Salentina 1887. Janet Ross, viaggiatrice inglese e giornalista, donna libera e indipendente giunge in Salento ed entra in contatto con un mondo dove si parla una lingua antica, quello della “Ghineka Grika” (donna grika) , un mondo così distante dal suo ma altrettanto affascinante e ricco di cultura e umanità.

CINEMA ROMA dell’Istituto comprensivo statale n.1 e n.2 Sinnai, Cagliari – 27′ – 2019

Attraverso una serie di testimonianze e ricostruzioni immaginarie, si racconta la storia del Cinema Roma di Sinnai, attivo dal dopoguerra fino agli anni ’90, ora ridotto a costruzione desolata che campeggia con la sua malinconica insegna sulla piazza principale del paese.

STATALE 106 dell’Istituto Tecnico Tecnologico “Malafarina” di Soverato, Catanzaro – 54’51” – 2019

STATALE 106 è un documentario realizzato dagli studenti dell’ITT Malafarina di Soverato (CZ), con la regia di Enrico Ventrice, in cui si analizzano alcuni degli aspetti più controversi della strada statale Jonica 106 (tristemente nota come “strada della morte”), che si estende da Taranto a Reggio Calabria, con particolare riferimento al tratto catanzarese, sia dal punto di vista tecnico che sociale, come ad esempio le relazioni che legano questa strada con il mancato sviluppo della costa jonica calabrese, i costi sociali dovuti alle migliaia di incidenti, lo stato dei lavori di ammodernamento.

SO’ VIVO! dell’ I.S.I.S. Livatino, Napoli – 8’54’’ – 2019

A San Giovanni a Teduccio, periferia di Napoli, il mare c’è. “Ma dove sta? Come ci si arriva?”. Se lo chiede Gennaro, un ragazzo non udente, dopo averlo sognato. Lui il mare non può sentirlo ma vorrebbe almeno vederlo. Girovaga quindi per la scuola incrociando alcune ragazze, prese da discussioni quotidiane. Nessuna riesce a capirlo, tranne Maria, timida e isolata. Il mare è il bello a cui questi ragazzi senza voce anelano, la pace che meriterebbero. Gennaro, nella sua isolata purezza, riuscirà a godersi questa bellezza e a gridare nei suoi pensieri: “So’ vivo!”.

OLTRE IL SOLLEONE di Liceo Classico Statale “A. Pansini”, Napoli – 7’49’’ – 2020

La costa del Cilento, conosciuta come popolare meta per le vacanze estive, cela una realtà completamente diversa, che in pochi conoscono. Il silenzio, la tranquillità, ma anche la desolazione di un luogo del tutto dimenticato durante l’inverno, ci sono raccontati attraverso la vita quotidiana di due anziani contadini, Anna e Raffaele, che trascorrono le loro giornate nella lentezza, ripetitività e semplicità della loro routine, scambiandosi poche parole, con la sola compagnia dei loro animali e di Dio.

MOVIDA del Liceo Giorgio dal Piaz Feltre, Belluno – 68’21’’ – 2019

Una creatura, nata sotto le radici di un abete, cammina, guarda, vede: il presente….una banda di bambini gioca in mezzo alla natura, il figlio di un pastore transumante aiuta il padre, ma si trova a un bivio:    continuare la tradizione o andar via? Tommaso e Riccardo costruiscono tricicli a motore nel garage. Cosa può offrire il luogo in cui vivono? Andarsene sarà inevitabile? Oscar se n’è andato dalla Valbelluna perché si sentiva soffocare, ma è ritornato: coordina il Cantiere del Baco, coltiva la terra seguendo gli esempi di Dimitri, Isabella, Johanne e flash del passato…

LA MIA CITTÀ: PUNTI DI VISTA dell’IISS Filippo Buonarroti, Genova – 10’48″’ – 2018

Una classe varca i muri dell’aula per riscoprire la propria città ed esplorarla attraverso la percezione degli altri. Incontra così viaggiatori di oggi e di ieri, ascolta le parole di autori che l’hanno amata. Avventura e scoperta.

CON I NOSTRI OCCHI del Liceo Laura Bassi, Bologna – 18’ – 2018

Bologna – Lampedusa A/R. Adolescenti e Migranti. “Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi” M Proust.

ADOVEST – ANDARE E RESTARE del Liceo Statale “Pascasino”, Marsala – 31’ 52” – 2019

Hanno zii, amici, fratelli, a volte anche i genitori che lavorano e vivono fuori. Anche loro sanno che, dopo la maturità, probabilmente dovranno andare al nord, per continuare gli studi, trovare un’occupazione. Sono le ragazze e i ragazzi di Marsala. Qui, gli studenti dell’Istituto Pascasino, hanno deciso di confrontarsi con la domanda : andare o restare? Tra barche che scappano, montagne di sale, tramonti che tolgono il fiato, punti di vista inediti,momenti di delicata poesia, i giovani raccontano Marsala,  senza stereotipi e senza rassegnazione, nei luoghi che diventano storia, nelle storie che diventano, per loro, punto di domanda. Hanno guardato l’anima profonda di Marsala negli occhi. E adesso, quegli occhi, raccontano.